Novembre a Labin e Rabac (Albona e Rabaz)

Giornate delle porte aperte degli agriturismi dell’Istria

Organizzate dall’AZRRI, l’Agenzia per lo sviluppo rurale dell’Istria di Pazin (Pisino), e dagli agriturismi della Regione Istriana, le Giornate delle porte aperte degli agriturismi dell’Istria si tengono ogni sabato e domenica di novembre. L’obiettivo di questa manifestazione gastronomica è la promozione degli agriturismi e delle rispettive tenute come segno distintivo dello spazio rurale dell’Istria. Quest’anno tra i partecipanti dell’area di Labin vi è pure l’agriturismo “Kaštel Pineta” di Sveti Martin (San Martino). La pittoresca tenuta è dominata da una casa grande con una torre. La struttura apparteneva una volta alla famiglia nobile Battiala-Lazzarini, mentre oggi ospita l’agriturismo, che deve il proprio nome alla vicina pineta. Una volta la casa dei Lazzarini, chiamata dagli abitanti del luogo “cortile del barone”, fungeva da sede della grande tenuta agricola. Oggi questo è un luogo in cui si possono assaggiare diverse prelibatezze fatte con i prodotti coltivati dalla famiglia Radičanin, che si occupa dell’allevamento delle capre, delle galline, delle pecore e dei cavalli, come pure della coltivazione della frutta e verdura, mentre nei suoi vigneti cresce la malvasia, il merlot e il terrano. Maggiori informazioni sul programma e sulle prenotazioni sono disponibili sul sito web:
www.dovai.eu

 

Una vacanza esclusiva nel centro storico

Venite a vivere lo spirito romantico dell’autunno nella città vecchia di Labin. Il centro storico medievale è un museo all’aperto che offre una serie di curiosità storiche e angoli esclusivi in cui trascorrere le vacanze e rilassarsi. Già lungo la salita per la città vecchia vi imbatterete nel boutique hotel “Peteani”, un albergo a quattro stelle allestito in una villa restaurata dell’inizio del XX secolo che vanta un design degli interni ben studiato e una cucina di alta qualità. Il più bel viale di Labin, San Marco, ospita il ristorante “Kvarner”, con le sue camere in stile rustico dalle quali si apre una vista indimenticabile sulle isole di Cres (Cherso) e Lošinj (Lussino). La struttura “Rezidencija Mirakul”, a quattro stelle, offre nelle sue cinque camere una singolare fusione tra un’atmosfera medievale e un ambiente moderno. A ideare e realizzare gli interni è stata l’artista locale Roberta Razzi: vi dominano colori rilassanti e piacevoli, disegni murali, pavimenti in pietra e diversi elementi che conferiscono allo spazio l’esclusività e un alto livello di comfort. Oltre all’offerta dei prodotti delle aziende agricole familiari dell’area, ad arricchire lo spazio sono pure le seducenti note del profumo della lavanda locale.
www.hotel-peteani.hr
www.kvarnerlabin.com
www.mirakul-residence.com

 

San Martino sulla Strada del vino dell’area di Labin

In novembre non perdete l’opportunità di festeggiare San Martino, protettore dei produttori di vino, la cui festa ricorre l’11 novembre e che si celebra con la benedizione del vino novello anche nelle cantine lungo la Strada del vino dell’area di Labin. La tradizione vitivinicola in questa parte dell’Istria risale al XIX secolo. Iniziò nel villaggio di Sveti Martin (San Martino) e nei dintorni di Pićan (Pedena), dove oggi si producono vini pluripremiati, malvasia, merlot, terrano e moscato istriano. A Ripenda Breg sopra Rabac nel ristorante “Markus” potete assaggiare pure tipi di vino che hanno più di cent’anni, mentre i gentili padroni dell’azienda agricola familiare di Romeo Licul a Sveta Nedelja (Santa Domenica) vi presenteranno i loro vini “Romeo” e la tradizione vitivinicola della famiglia.
www.rabac-labin.com/it/15-la-strada-del-vino

 

Gastronomia e olio di oliva

Godetevi il profumo aromatico e il sapore dell’olio extravergine di oliva novello. La raccolta delle olive in ottobre e novembre viene seguita dalle prime degustazioni di questo tesoro verde i cui massimi esponenti nell’area di Labin sono gli oli “Oleum Viride”, “Negri”, “Perin”, “Villa Annette Selection” e “Oleas”. Nei ristoranti di Labin e Rabac assaggiate i numerosi piatti con olive e ottimi oli di oliva inseriti nella prestigiosa lista “Flos Olei”. Scegliete, per esempio, gli antipasti quali acciughe salate con capperi e pomodori secchi, tartufo bianco e i formaggi di prima qualità della piana di Čepić (Cepich) o insalata di calamari e finocchio per proseguire poi con il brodetto di baccalà secco o il baccalà in bianco con olive e pane tostato con farina di mais.
www.rabac-labin.com/it/152-gastro-eno

 

Le delizie marine del “Nostromo”

Originale, creativo, fresco, fatto in casa e autoctono è il motto del ristorante e hotel a conduzione familiare “Nostromo” a Rabac. Qui potete allietare il vostro palato con piatti fantasiosi e deliziosi che hanno reso famoso questo ristorante e grazie ai quali il locale è stato inserito negli anni scorsi in diverse guide gastronomiche nazionali e internazionali. Meritano una menzione speciale le specialità di pesce fresco e frutti di mare della Baia di Rabac e dei luoghi vicini. Degustate l’insalata tiepida di polpo fresco su letto di zucchine e sedano, il filetto di pesce con erbe di Labin (rosmarino, salvia, alloro), la zuppa di pesce e gli scampi del Quarnero, il filetto di orata al forno con bietola e patate croccanti, antipasto misto ai frutti di mare con aglio e sedano e molte altre specialità che rimangono impresse nella mente di tutti i buongustai.
www.nostromo.hr

 

Il Parco sculture Dubrova

L’autunno e i suoi colori sono uno scenario perfetto per la visita di uno dei più bei parchi sculture in Croazia, quello a Dubrova, nelle vicinanze di Labin. Il parco si estende su un’area di 40 ettari, parzialmente delimitata dai muri a secco, con vallate e alture naturali e una vegetazione ricca e variegata. Nel mitico boschetto in fondo alla tenuta di villeggiatura con un complesso barocco della famiglia patrizia Franković del XVII secolo vi sono 95 sculture create da noti artisti croati e internazionali, da Raul Goldoni e Dušan Džamonja fino a Marija Ujević e Joost Barbiers. All’interno del parco fate una passeggiata lungo la cosiddetta Strada bianca, composta da 16 tratti artistici di una lunghezza di 25 metri. Imboccate il sentiero cui hanno dato vita famosi artisti croati, tra i quali Edo Murtić e Julije Knifer. Uscite dagli schemi tradizionali godendovi la scultura “Irruzione” (Prodor) di Jozef Jankovič o abbracciate la vostra persona amata accanto all’opera “Il re e la regina” (Kralj i kraljica) di Zvonimir Kamenar. Il parco si trova all’ingresso nella città di Labin, lungo la strada principale Labin–Rijeka (Fiume), vicino al ristorante “Dubrova”.
Il parco è aperto nell’arco di tutto l’anno, non ha un orario di apertura né un ingresso a pagamento.